Blog: http://bombadillo.ilcannocchiale.it

Io vado a votare. 2 SI e 2 No

vado a votare. e questa è la prima (scontata) decisione. ho raccolto le firme per due referendum (per l'abolizione della quota proporzionale) e ho troppo rispetto per le centinaia di migliaia di persone che hanno firmato per darmi la possibilità di esprimermi per non farlo. non sono neanche convinto che sia legittimo non votare. legalmente lo è dicerto, ma moralmente e politicamente è un'altra cosa. la vera rivoluzione sarebbe cancellare il quorum e aumentare le firme necessarie per i referendum. avremmo comunque solo referendum su questioni di interesse generale (questo sarebbe un referendum firmato da 1 milione di persone), ma consentiremmo alla maggioranza dei votanti (e non ad una minoranza organizzata che sceglie di non votare) di decidere.

la decisione su come votare è stata più sofferta.

ero a favore del nucleare. anche dopo fukushima, ma la decisione tedesca ha colpito anche me. se i tedeschi hanno deciso di spegnere le loro, per spendere 20 miliardi di euro per aprire le nostre serve un buon motivo. e a me nessuno lo ha dato. Voto SI

sull'acqua si scontravano due idee piuttosto radicate in me. 1. nella prestazione dei servizi il privato è meglio del pubblico e 2. le privatizzazioni all'italiana sono un disastro. dovendo pensare se sarà più facile che lo stato impari a fare l'imprenditore o che impari a privatizzare e controllare l'interesse pubblico, opto per la seconda. lo spirito libare è più radicato in me di quanto io pensi. Voto 2 NO.

la decisione sul legittimo impedimento era scontata. Tutti i cittadini hanno pari dignita' sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Voto SI.

2-2. non lo dite a signori che ci scommette sopra.

 

Pubblicato il 9/6/2011 alle 20.1 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web